12 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

DIVIETO DI GIOCARE A PALLONE: NOTA DEL SINDACO NAPOLI

06-09-2013 15:20 - News Generiche
IN UNA LETTERA INDIRIZZATA ALLA REDAZIONE GIORNALISTICA DI TELE OCCIDENTE IL PRIMO CITTADINO ESPRIME IL PROPRIO DISAPPUNTO PER IL SERVIZIO ANDATO IN ONDA RIGUARDANTE L´ORDINANZA CHE VIETA IL GIOCO COL PALLONE NELLE VIE E PIAZZE DEL PAESE.


Si pubblica integralmente il testo della lettera (prot. n.17650 del 06.09.2013)


Spett.le Redazione,
con riferimento al V/s servizio giornalistico relativo alla notizia riguardante l´ordinanza che vieta il gioco col pallone nelle vie e piazze del Paese, debbo, con la presente, lamentare le espressioni di giudizio espresse dal giornalista nonché " il dissociarsi"dalla stessa.

Ritengo che un giornalista, svolge bene il suo lavoro quando riporta, schiettamente ed obiettivamente, la notizia senza alcuna personale valutazione, circa la condivisione o meno, oppure perdersi in gratuite battute del tipo "controlleremo se faceva parte del programma elettorale",o simili.

Peraltro la notizia è stata riportata in modo fazioso e parziale non tenendo conto delle ragioni e dei motivi che stanno alla base dell´emanazione della ordinanza in questione, ossia le numerosissime lamentele dei cittadini infastiditi e molestati a tutte le ore del giorno e della notte.

Sarebbe bastato a codesta Redazione acquisire notizie presso le locali Forze dell´Ordine, (Polizia Municipale e Carabinieri), per accertarsi delle quotidiane segnalazioni e lamentele dei cittadini che loro pervengono.

Inoltre tengo a precisare, che lo scrivente non ha introdotto alcun nuovo divieto di giocare nelle strade essendo tale comportamento già vietato e sanzionato dal C.d.S .

Perdendo di vista lo scopo e le finalità dell´ordinanza credo che si sia persa una buona occasione per lanciare un forte messaggio educativo ai ragazzi ed ai giovani del Paese,e a quegli "adulti" che in questo momento stanno strumentalizzando i ragazzi.

Nessuno, infatti, ha colto ed evidenziato come, l´ordinanza in questione tutela gli stessi minori sottraendoli alla strada ed ai pericoli cui vanno incontro, di incidenti ed infortuni.

Infine, se è vero, come è vero, che lo sport serve a far crescere i nostri ragazzi sani e forti, non solo nel corpo, ma anche nello spirito, e che lo sport deve essere motivo di tolleranza e coesione sociale, è evidente che c´è qualcosa di anomalo e sbagliato, laddove la pratica di uno sport, come il gioco del pallone, diventi causa e motivo di contrasti e disagio sociale, di intolleranze, di molestie, di danneggiamenti a cose e beni pubblici ( lampioni della luce, cestini, piante, panchine etc) e privati.

Pur comprendendo le ragioni dei ragazzi che lamentano l´assenza di aree e spazi pubblici dove poter giocare in sicurezza e senza molestare alcuno, ( per la cui individuazione l´ A.C. si adopererà), debbo tuttavia confermare la legittimità e la necessità dell´ordinanza adottata per porre un argine ed un freno al dilagare di tale fenomeno che ha creato, e continua a creare contrasti e divisioni nel tessuto sociale del Paese.

Nell´esprimerVi tutto il mio disappunto e rammarico per l´occasione persa di far buon giornalismo e buona televisione, nel non aver fatto passare un messaggio sociale fortemente educativo, colgo l´occasione per porgerVi distinti saluti.

IL SINDACO
Avv. Sebastiano Napoli

Fonte: U.R.P.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account